Banner


Cerca per Località

Categoria:

Località:

banner promo relais del lago

Caprarola in Provincia di Viterbo

Dalle pendici della conca vulcanica del lago di Vico in direzione sud-est, il panorama da Caprarola si apre verso un vasto orizzonte che spazia tra la campagna romana ed i monti dell'Appennino centrale.

Caprarola in Provincia di Viterbo (VT)

In questo scenario naturale molto suggestivo, tra monti boscosi, valli e lago di Vico, si è formato il primo nucleo abitativo di Caprarola, arroccato sopra un alto banco tufaceo compreso tra due profondi burroni, ad una altezza di 500 metri s.l.m. 

Caprarola deve ai suoi antichi feudatari ed al genio dell'architetto Jacopo Barozzi detto il Vignola la sua particolare struttura urbanistica che la pone per importanza ai primi posti, dal punto di vista architettonico.

Il suo impianto viario orientato lungo l'asse dell'antica "Via dritta", la maggiore via cittadina, culmina nel piazzale antistante la mole dominante del Palazzo Farnese. Il Borgo di Caprarola, che si sviluppava tra la piccola parrocchiale, il Castello e la fontana delle Tre Cannelle, venne "sfondato" per procurare al Palazzo Farnese il suo ingresso trionfale.

Caprarola - Panorama con il Monte Soratte sullo sfondo

La costruzione del nuovo asse viario con le sue cinque piazze equidistanti, modificò l'antico impianto urbanistico tramite l'abbattimento di castelli chiese e numerose abitazioni private; per rimediare ai disagi, in tal modo causati alla popolazione, il cardinale Alessandro favorì la costruzione di nuovi palazzi, lungo il maestoso viale così costituitosi. Così le nobili famiglie al seguito dei Farnese costruirono gradevoli edifici progettati anche dal Vignola, come i palazzi Sebastiani, Mariani, Restituti, Moscheni, l'Ospedale di S. Giovanni, e la chiesa di S. Marco.

Poco lontani dal principale monumento Farnesiano di Caprarola si possono visitare, inoltre, la bella chiesa della Madonna della Consolazione, fatta edificare da Odoardo Farnese, il Palazzo delle Scuderie Farnese, oggi interamente ristrutturato, sede della Riserva Naturale del Lago di Vico e centro di attività culturali, il Castello dei Prefetti di Vico, ed il Convento Carmelitano con annessa la Chiesa di S. Teresa, dove si possono ammirare alcune tele di Guido Reni, Giovanni Lanfranco e Alessandro Turchi detto il Veronese.

La costruzione degli Orti Farnesani fu affidata intorno al 1565 utilizzando per i terrazzamenti la terra di scarico delle fondamenta della chiesa del Gesù e venne conclusa solo nel terzo decennio del Seicento sotto la direzione di Giacomo Del Ducae quindi di Gerilamo Rainaldi,entrambi attivi anche a Caprarola.

Il Vignola e' riuscito a conferire al complesso una straordinaria unitarietà riadattando con grande abilità gli elementi marziali e a ottenere una perfetta integrazione tra gli spazi architettonici coperti a quelli all'aperto ai primi adiacenti,e che da essi si irradiano,fungendo da elementi di raccordo tra l'edificio e il paesaggio circostante,quello costruito all'antistante borgo e quello naturale del colle che incornicia il complesso alle spalle e dalla campagna che lo delimita ai fianchi.

Palazzo Gherardi (ex Convento delle Agostiniane): La sua costruzione iniziò nel 1573 e fu ampliato intorno al 1580, con l'acquisto di immobili vicini alla Chiesa di S.Rocco, dal toscano Mattia Gherardi, Maestro Generale delle Poste Pontificie. Nel 1602 iniziarono i lavori per la trasformazione in Convento con il contributo sia della famiglia Farnese che della Comunità. Nel 1611, a lavori ultimati, il Convento, dedicato ai SS.Agostino e Rocco, fu affidato ad alcune monache Agostiniane. Notevole appare il grande portale bugnato e tutta la facciata principale, arricchita con vari stemmi e tre lapidi, una dedicata all'illustre musicista caprolatto Ercole Bernabei, una apposta durante i festeggiamenti per il quarto centenario della nascita del Vignola e la terza a ricordo dei compaesani caduti nella prima guerra mondiale. Confiscato dopo il 1870 e completamente ristrutturato dall'architetto Iannoni, fu adibito a sede Comunale ed abitazioni. Le monache si spostarono nell'attuale Convento del Divino Amore, attiguo alla Chiesa di S.Marco.

Fontana delle Tre Cannelle: Questa fontana è una di quelle poche opere che ricordano meglio il periodo prefarnesiano a Caprarola, essa infatti è databile al secolo XV e venne fatta costruire dai Riario-della Rovere, come si può ben vedere da uno stemma araldico cardinalizio nella parte superiore, mentre un secondo stemma nella parte centrale raffigurante un albero con l'aggiunta di due capre salienti, rappresenta l'emblema di Caprarola che in quel periodo si trovava appunto sotto il Vicariato di quella famiglia. Per alimentare questa fontana i Riario fecero realizzare un apposito acquedotto. La sua struttura risulta incassata in un arco ed è composta da due abbeveratoi, uno interno ed uno esterno laterale che raccoglie l'acqua del primo. Quello esterno, in origine, era molto più grande e staccato dalla fontana, funzionava anche da lavatoio e restaurato in varie occasioni, da ultimo quello del 1996.

Chiesa di S.Maria Assunta: La sua costruzione risale circa al XIII - XIV secolo in quanto, essendo inglobata nell'attuale palazzo Fusaro, si presume fosse stata una dipendenza dell’ex castello dei di Vico. L'attuale edificio rinascimentale, che si presenta ad una sola navata, con abside semicircolare, è probabilmente il risultato dei numerosi rifacimenti dal cinquecento ai giorni nostri. Pur non essendo molto grande, in origine, oltre a quello maggiore, aveva altri quattro altari laterali dei quali, dopo la ristrutturazione cinquecentesca, rimangono il secondo di sinistra ed il secondo di destra. Sulla parete sinistra, dove si trovava il primo altare, vi è una tela del XVI secolo che raffigura un gruppo di Santi. Proseguendo, si trova un altare rifatto di recente, dedicato alla Madonna Addolorata. Qui si vede, in una nicchia, una bella statua dell'Addolorata a grandezza naturale che viene portata in processione il Venerdì Santo. Tra queste due opere, protetto da una bacheca, si conserva un'affresco raffigurante la Madonna con il Bambino, contornata da ex voto. E' un'opera abbastanza pregevole, databile al XIV secolo. Addossato alla parete del coro, in un tempietto in legno, si conserva un piccolo dipinto su tavola raffigurante S.Maria Assunta. Di scuola toscana, si può presumibilmente datare al XIV-XV secolo. Il piccolo presbiterio è contornato da un coro in legno ove, oltre alla data di un restauro (1853), è raffigurato il simbolo della Confraternita della Morte e Orazione che usava la Chiesa come sede. L'altare di destra conserva un piccolo dipinto su tela, la deposizione di Gesù dalla croce, incassato in un affresco più grande ove sono raffigurati dei Santi e nella parte superiore, ai lati del quadro, si vedono due angeli in preghiera. Entrambi di scuola viterbese, forse della bottega di Antoniazzo Romano, sono databili al XIV-XV secolo. Subito a destra dell'entrata si vede una tela raffigurante la Crocifissione, di ottima fattura, è probabilmente databile al XVI secolo. Di particolare interesse l'acquasantiera all'ingresso, in marmo bianco finemente lavorato su un piede di peperino è di stile romanico e databile all'XI-XII secolo, inoltre la Chiesa ha il soffitto a cassettoni in legno dipinto.

Fontana delle Boccacce a Caprarola: Si trova addossata ad un palazzo di piazza Pietro Cuzzoli ed è stata costruita dopo il 1565, in conseguenza dei lavori per la realizzazione della via diritta. Risulta più volte restaurata, da ultimo nel 1996. E’ ad arco semicircolare ed è sormontata da un balconcino decorato nella parte inferiore con tre stemmi e più precisamente al centro quello del cardinale Alessandro Farnese, alla sua destra quello del ducato di Castro e Ronciglione ed alla sinistra dello stemma del cardinale Alessandro Farnese si trova un emblema dinastico riferibile al ducato di Parma e Piacenza. La stessa disposizione araldica si trova affrescata al centro della volta del salone d’ingresso del Palazzo Farnese. Subito sotto si può vedere un bel cornicione di stile romano con una elegante modanatura. Il tutto lavorato in peperino. All’interno dell’arco di questa fontana e stata creata una semicupula e, poste all’interno di tre nicchie, si trovano tre maschere diverse che buttano acqua dalla bocca in una vasca. Ai due lati esterni della fontana vi sono due vasche uguali, ad uso lavatoio, la cui acqua proviene dalla vasca interna. In origine al posto delle due vasche vi erano due semplici vaschette a conchiglia. Davanti alla monumentale fontana, alta circa otto metri, vi è una serie di bassi gradini che ne aumentano la maestosità.

Per chi visita Caprarola è d'obbligo la visita al maestoso Palazzo Farnese (di cui parliamo in maniera più approfondita in altra sezione specifica di questo sito) e al museo multimediale. Di seguito trovate i riferimenti:

PALAZZO FARNESE - Le visite al Palazzo Farnese sono:
TIPO A – visita accompagnata nel Piano dei Prelati, la Scala Regia, il Piano Nobile e i Giardini Bassi.
TIPO B – visita accompagnata come sopra fino ai giardini Alti e alla Palazzina del Piacere.
Orari di apertura sono: dalle 8.30 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.30).
Gli Ingressi si effettuano ogni 30 minuti salvo diversi accordi.
GIORNI FERIALI : dalle 8.30 alle 12.00 visite tipo B
dalle 12.30 alle 13.30 “ “ A
dalle 14.00 alle 16.00 “ “ B
dalle 16.30 alle 18.30 “ “ A
GIORNI FESTIVI: ingresso con orario libero.
Si effettuano visite solo di tipo A.
Il prezzo del biglietto è di €. 5.00/ persona. Gratuito sotto i 18 anni e sopra i 65 anni.
Le visite guidate comportano un supplemento di €. 2.50 a persona sul prezzo del biglietto.
UFFICIO TURISTICO COMUNALE
Via F. Nicolai, 2 01032 Caprarola (VT) – Italia
T. +39 0761 646157 – 649040 fax +39 0761 647865
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
PALAZZO FARNESE – Ufficio Custodi - Biglietteria- T.+39 0761 646052


MUSEO MULTIMEDIALE DEL PALAZZO FARNESE DI CAPRAROLA - Piazza Romeo Romei (Caprarola-VT)
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.museomultimediale.it
Informazioni e Prenotazioni:
Comune di Caprarola
Ufficio Turistico
tel. 3272213746
tel. 0761646157 - fax 0761647865
Orari di Visita:
Venerdì e Sabato dalle ore 15:00 alle ore 18:00
Domenica e Festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00
Costo del biglietto: Euro 3,00 a persona - Gratuito sotto i 6 anni

Caprarola - Interni di Palazzo Farnese